xvid entertainment news tecnologia e tempo libero

30Nov/120

iTunes 11 apre i download: facile, ma non velocissimo

Finalmente iTunes 11 si apre ai download dal sito ufficiale di Apple e come aggiornamento dal software stesso. Doveva arrivare a Ottobre, ma si è fatto attendere oltre un mese (una novità non confortante per Cupertino), tuttavia finalmente si può scaricare gratis. Quali sono le novità di iTunes 11 che sarà ancora più integrato con iCloud? Le trovate sotto, dopo il salto, la prima impressione è quella che sì è più intuitivo e semplice, con un’interfaccia gradevole e più pulita da comandi poco utilizzati, ma che la velocità non sia aumentata un granché. E voi, l’avete scaricato? Fatecelo sapere nei commenti.

iTunes 11 eta stato promesso ad ottobre, ma è arrivato solo oggi 30 novembre: Apple ha confermato un mese fa che effettivamente che c’era un po’ di ritardo nello sviluppo dell’ultima versione del software e dunque sarebbe servita ancora qualche settimana d’attesa. Il portavoce Tom Neumayr ha affermato che “Il nuovo iTunes ha preso molto più tempo di quanto avremmo immaginato e dunque ci siamo un po’ di tempo extra per completarlo nel migliore dei modi. Guardiamo avanti per rilasciare il nuovo iTunes che sarà decisamente più semplice e con un’interfaccia ancora più intuitiva“. Per quale motivo questo ritardo? C’è chi rumoreggia sia dovuto ai recenti movimenti di “pedine” all’interno della dirigenza come ad esempio l’uscita di Scott Forstall, ma ovviamente Apple ha subito negato.

Nella scorpacciata di novità Apple di settembre è stato svelato anche iTunes 11 ossia la nuova versione del software multimediale-tuttofare di casa. Riassumendo le novità, Apple punta l’attenzione su un design rivisto in modo importante e semplificato nelle funzionalità con una migliore e più completa integrazione con iCloud ossia con il servizio di cloud computing. Il nuovo programma funziona ovviamente sia con computer Mac sia con PC con sistema operativo Windows e si avvale di un riproduttore musicale-video completamente rinnovato e effettua un restyling completo dello store online di musica, app, TV show e film. Sarà reso disponibile all’aggiornamento gratuito a partire dal prossimo mese di novembre.

La nuova versione di iTunes sarà così resa disponibile il prossimo ottobre sia su Mac sia su PC per un’esperienza multimediale più completa e performante. L’integrazione con iCloud sarà più importante e così si potrà scaricare/acquistare un elemento come un brano musicale, uno show TV oppure un film e vederlo alla massima qualità su qualsiasi dispositivo personale con utenza univoca quindi su iPhone, iPod, iPad, PC o Mac. Il design dei servizi collegati come iTunes Store, App Store e iBookstore sono stati completamente rivisti all’insegna della semplicità e immediatezza d’uso.

Abbiamo creato iTunes per il nostro amore per la musica così abbiamo deciso di tornare alle origini con un design molto più pulito che mette appunto in primo piano proprio la musica – ha dichiarato Eddy Cue, Senior Vice President di Internet Software and Services per Apple – la nuova versione di iTunes si integra perfettamente con iCloud così gli utenti possono aver sempre a portata di mano la libreria: ascoltare i brani musicali personali sarà sempre più semplice e divertente“. I nuovi design degli store vedono le novità nella parte superiore, con scaffali per una navigazione più semplice, cronologia delle anteprime e ascolto gratuito di 90 secondi durante l’esplorazione.

A settembre sono stati snocciolati numeri a proposito di iTunes Store che attualmente conta su 26 milioni di brani musicali, oltre 700.000 applicazioni, 190.000 episodi TV e ben 45.000 film a disposizione degli utenti che possono scaricare sui dispositivi compatibili. Il prossimo Novembre (speriamo) sarà possibile scaricare la nuova versione di iTunes ossia la 11 direttamente dal sito ufficiale itunes.com.

Article source: http://www.tecnocino.it/2012/11/articolo/itunes-11-apre-i-download-facile-ma-non-velocissimo/40855/

Filed under: Tecnology No Comments
30Nov/120

Nintendo Wii U in Italia: tutti i prezzi [VIDEO]

Nintendo Wii U debutta con l’uscita in Italia oggi 30 novembre come comunicato a settembre a New York in occasione dell’evento di ufficializzazione della console di ultima generazione di Nintendo. Parliamo della nuova versione – quella con controller simile a un tablet per intenderci – che arriva giusto in tempo per il mercato natalizio. Saranno disponibili tre versioni con Wii U Basic Pack con console da 8GB di memoria e un GamePad di colore bianco a un prezzo 299,99 euro, Wii U Premium Pack con la console con 32GB di memoria interna, un GamePad e il gioco Nintendo Land a un prezzo 349,99 euro e Zombi U Premium Pack con la console con 32GB di memoria interna, un GamePad e un controller Pro, il gioco Nintendo Land e Zombi U di Ubisoft a 389,99 euro.

Inoltre, Nintendo ha deciso di puntare in modo deciso sull’eShop. E’ lo store di contenuti digitali che potrebbe essere sfruttato come mai prima, grazie a una serie di incentivi vantaggiosi (anzi, vengono definiti come “folli” dalla stessa Nintendo) proposti ai pubblisher ossia ai produttori dei videogiochi stessi. Finora, pensando a eShop si immaginavano contenuti e giochi più semplici, ma Nintendo vuole sovvertire il trend e aprire ai veri e propri giochi in formato digitale come controaltare al mondo retail. Nintendo pensa così a un’alta percentuale dei ricavi da girare ai produttori così da smuovere un po’ le acque e portare l’ago della bilancia a pendere verso il mondo online piuttosto che nei canali tradizionali. Più scelta e comodità per l’utente, più guadagni per i produttori, la ricetta vincente?

Quando mancavano poche ore all’E3 Show 2012 ossia sul più importante convegno sul settore videoludico e Nintendo rompeva il ghiaccio pubblicando un interessante video sulla console più attesa ossia Wii U. Sono 30 minuti pregni di contenuti e di anticipazioni. E’ vero, c’è molto riassunto di quanto detto finora, ma in generale si offre un succulento antipasto di buona parte delle funzionalità e delle caratteristiche della prossima console del colosso giapponese. Nel video che vi riproponiamo qui sopra si possono ascoltare le parole del presidente di Nintendo, Satoru Iwata, e ammirare alcune immagini e dimostrazioni di Wii U. Ovviamente al centro delle novità c’è il pad, il controller-tablet. Rispetto a quanto avevamo imparato a conoscere finora ad allora, cambiava la disposizione dei pulsanti con alcuni che sono stati traslati verso il base mentre verso il lato posteriore si trovano elementi per migliorare la presa che è più ergonomica. Interessante la presenza del chip lettore/scrittore NFC per comunicare senza contatto con etichette e tag così come i moderni smartphone. Il controller-tablet potrà sostituire il telecomando della TV e sfruttare uno store di applicazioni dedicato. Tornando al controller touchscreen, esteticamente può ricordare vicino lo stile di quello dell’Xbox 360; curiosa la presenza di stick analogici a forma tonda e non esagonali come da moda Nintendo. Dal video si può apprezzare qualche informazione sul software. Miiverse è l’abbreviazione di Mii Universe per rinnovare lo spazio dedicato agli avatar ossia Mii Plaza, con funzionalità sociali e evolute, per incontrare amici e per messaggiare in modo istantaneo grazie a una sorta di simil-Skype.

Article source: http://www.tecnocino.it/2012/11/articolo/nintendo-wii-u-in-italia-tutti-i-prezzi-video/35941/

Filed under: Tecnology No Comments
30Nov/120

Anonymous contro la Siria e il black-out della rete

Anonymous dichiara guerra al Governo Siriano sui siti ufficiali del regime. Gli hacktivisti hanno infatti “maledetto” il presidente Bashar al-Assad colpevole del black-out sulla rete e del blocco delle comunicazioni: una di quelle azioni che manda letteralmente in bestia Anonymous e che scatena inevitabili attacchi informatici. D’altra parte gli 84 indirizzi IP della Siria sono stati resi irraggiungibili rimuovendo di fatto il paese dal web (dati Renesys): “Essenzialmente hanno tolto la spina dalla corrente del web – spiegano gli Anonymous – come scoperto in Egitto dove Mubarak si era comportato nello stesso modo, non è un danno che può essere riparato facilmente. È una mossa disperata di un regime morente“. Da qui l’azione che cerca di isolare a sua volta tutto ciò che è legato a al-Assad, che segue la battaglia virtuale contro Israele per proteggere la Palestina.

Due settimane fa, infatti, avavevamo ancora assistito a un attacco “politico” da parte degli hacktivisti di Anonymous che questa volta se la sono presa con Israele con l’operazione #OPIsrael in difesa di Gaza. Lo scontro in Medio Oriente ha chiamato le truppe virtuali che si oppongono alla volontà del governo israeliano di bloccare la connessione alla Rete nella Striscia di Gaza. È una vera e propria minaccia: “Se lo farete conoscerete la piena e incontenibile rabbia di Anonymous, come per gli altri governi non ne uscirete indenni”. Sono stati poi attaccati due siti come Falcon-s.co.il e Advocate-israel.com vicini al Governo e sono state diffuse indicazioni per i palestinesi per realizzare una connessione analogica sostitutiva.

Ma Anonymous erano stati protagonisti di un altro attacco informatico contro un governo, lo scorso aprile. Si era attaccato il network di siti ufficiali della Formula 1, che sono rimasti oscurati per qualche ora a causa di un’intrusione del gruppo di pirati informatici. Il motivo di questa protesta online? E’ ancora una volta il tanto discusso GP di Formula 1 in Bahrain, che l’anno scorso non si era corso per sensibilizzare l’attenzione mondiale sui crimini compiuti dal Governo nella soppressione della rivolta popolare, mentre quest’anno è ritornato a essere in programma nonostante la situazione non si sia stabilizzata. Vittime i siti ufficiali F1 come www.f1.com e F1-racers.net, che sono rimasti oscurati per qualche ora prima di essere riportati alla normalità. Per quale motivo si è oscurato uno spazio, anzi due, così importanti e istituzionali? Ancora una volta gli Anonymous hanno preso di petto una questione prettamente “politica” che nulla c’entra contro major o etichette cinematografiche e musicali.

Come si poteva leggere nella dicitura del testo pubblicato, riportata anche all’interno del sito del ministero dell’Interno del Bahrain, caduto sotto i colpi degli attacchi informatici più o meno nello stesso frangente: “Il popolo del Bahrain ha combattuto contro l’oppressione del regime del re Hamad bin Al Khalifa per oltre un anno. Si sono registrati omicidi per le strade, aggressioni, gas nelle abitazioni, danneggiamenti a proprietà private da parte della polizia e sequestri. Il Regime continua la sua azione brutale ogni giorno e peggiora. Per questo motivo il GP del Bahrain andrebbe boicottato, perché i proventi dell’evento finanziano queste oppressioni“. Gli Anonymous hanno ricordato anche lo sciopero della fame che ormai prosegue da 70 giorni da parte dell’operatore umanitario Abdulhadi Alkhawaja, “Non è colpevole di nessun crimine, è perseguito solo per aver invocato il rispetto dei diritti umani per la popolazione“. Un intento lodevole, questa volta, per gli Anonymous che lo scorso 31 marzo sembrava potessero attaccare anche i giganti del web, ma si era capito subito che era solo una bufala.

Article source: http://www.tecnocino.it/2012/11/articolo/anonymous-contro-la-siria-e-il-black-out-della-rete/38483/

Filed under: Tecnology No Comments
30Nov/120

Nokia 205

Leggi l'articolo:
Nokia 205: Facebook-fonino ultraeconomico [FOTO e VIDEO]

Nokia 205

Nokia 205 è il nuovo cellulare economico con tastiera completa QWERTY e tasto Facebook per accedere immediatamente al social network più famoso e frequentato al mondo, la scheda tecnica è semplice con piccolo schermo da 2.4 pollici QVGA, Bluetooth, VGA e lettore multimediale incluso. Ecco le varie colorazioni e una serie di immagini che lo ritrae da varie angolature

Article source: http://www.tecnocino.it/foto/nokia-205_11385.html

Filed under: Tecnology No Comments
30Nov/120

Nokia 205: Facebook-fonino ultraeconomico [FOTO e VIDEO]

Con Nokia 205 anche la società finlandese si getta nella mischia dei Facebook-fonini ossia dei cellulari semplici (o anche smartphone) nati e predisposti all’uso del social network più famoso al mondo. Per farlo, include l’ormai celeberrimo pulsante Facebook fisico che permette – una volta premuto – di accedere istantaneamente alla community da un miliardo di iscritti e di sfruttare applicazioni e funzionalità legate. Qui sopra un po’ di foto, dopo il salto un video e la scheda tecnica di questo telefono con tastiera completa QWERTY che si distingue anche per un prezzo davvero basso.

Nokia 205 è il nuovo cellulare presentato da Nokia, governato dall’interfaccia Series 40 Asha che prende le basi dei featurephone di qualche anno fa arricchendola di un minimo di multimedialità e di servizi connessi al web. Già perché il buon Nokia 205, pur collegandosi al web a bassa velocità EDGE è nato per sfruttare Facebook, il social network più famoso e popolato al mondo. Come? Con il Facebook Button, che si può trovare in mezzo agli altri tasti della pulsantiera completa QWERTY esposta sul fronte del dispositivo. Basterà premerlo per entrare nel mondo di FB.

La scheda tecnica di Nokia 205 è semplice e basilare appunto con tastiera completa QWERTY con pulsante Facebook, piattaforma Series 40 Asha, un piccolo schermo da 2.4 pollici a risoluzione QVGA e 65.000 colori, connettività quadribanda GSM/GPRS/EDGE (850/900/1800/1900), fotocamera VGA sul retro, memoria interna 10MB espandibile via microSD, Bluetooth v2.1 con EDR, jack audio da 3.5 mm, batteria da ben 37 giorni in standby e di 11 ore in conversazione. Lato software sarà presente Nokia Xpress Browser per navigare in modo ottimizzato con il 90 per cento di consumo dati in meno. Lo specchietto:

  • Interfaccia Series 40 Asha
  • Connettività quadribanda GSM/GPRS/EDGE (850/900/1800/1900)
  • Schermo QVGA 2.4 pollici a 65000 colori
  • Bluetooth v2.1 con EDR
  • Fotocamera VGA
  • Tastiera completa QWERTY con tasto Facebook
  • Jack audio da 3.5 mm, memoria da 10MB espandibile via microSD
  • Batteria da 37 giorni a 11 ore

Gli altri Facebook fonini erano lo smartphone Android HTC ChaChae il modello economico Vodafone Blue visto pochi mesi fa. Il prezzo di vendita di Nokia 205 è di 49 euro (iva e tasse escluse, si potrebbe arrivare a circa 60 euro), ma la vera chicca è che all’interno dell’offerta sono presenti 40 giochi premium EA completi da scaricare gratuitamente per un valore di 75 euro. In più uscirà una versione Dual Sim. Arriverà a breve in commercio, giusto in tempo per Natale, ecco la nostra listi di consigli.

Article source: http://www.tecnocino.it/2012/11/articolo/nokia-205-facebook-fonino-ultraeconomico-foto-e-video/41875/

Filed under: Tecnology No Comments
30Nov/120

Whatsapp a pagamento dopo un anno: bufale e verità

Whatsapp a pagamento dopo un anno: bufala o verità? In questi giorni stanno girando vorticosamente voci su un possibile cambio di politica degli sviluppatori del popolarissimo client per la messaggistica e per lo scambio di file da smartphone a smartphone di qualsiasi sistema operativo. Sono due le tesi. La prima è quella che dà per certo il pagamento di un abbonamento annuale, su Android, pari a circa un euro/dollaro per un anno. La seconda, di addirittura un centesimo a messaggio. Ebbene se la credibilità della seconda muore sul nascere, sulla prima c’è semplicemente da commentare: non è un qualcosa che potrebbe avvenire perché è già così. Whatsapp per Android è gratuito solo il primo anno, poi è a pagamento.

Che poi, parliamo chiaro, definirlo a pagamento è corretto ma non spiega quanto questa somma sia piuttosto abbordabile visto che si parla di un dollaro per l’uso per l’intero anno successivo. Al cambio è circa 75 centesimi di euro. Insomma, si dovrà pagare per continuare a usarlo, questo è vero, ma quanto si pagherebbero 4-5 SMS. Dunque tutte le voci spesso anche esageratamente scandalizzate non trovano senso perché sono dovute a una mancata lettura del regolamento dell’applicazione. Rispondendo alla domanda: Whatsapp per Android sarà a pagamento dopo un anno? La risposta è: certo, lo è già.

Discorso diverso per tutte le voci che riguardano eventuali altri pagamenti di servizi che invece rimarranno gratuiti. Si sentono addirittura indiscrezioni su un possibile pagamento per ogni singolo messaggio inviato, pari a un centesimo di euro. Notizia infondata e obiettivamente poco credibile così come gli eventuali metodi per evitare il pagamento annuale (ma poi parliamo di meno di euro, dai) come ad esempio inviare un tot di messaggi pre-impostati a tutti i contatti e altre balle del genere. Non fanno altro che riprendere catene di Sant’Antonio e altre inutilità che prima spadroneggiavano via email e prima ancora via posta cartacea.

E in tutto questo marasma di malinformazione e disinformazione c’è chi ci sguazza, anche giustamente direi. Stiamo parlando di Samsung che coglie abilmente la palla al balzo e propone di scaricare subito il suo servizio ChatOn che funziona esattamente come Whatsapp, ma in più non chiede alcun pagamento né subito né dopo un anno. Senza dimenticare le decine di altri servizi simili se non più evoluti e altrettanto gratuiti tra cui Skype regna sovrano incontrastato.

Article source: http://www.tecnocino.it/2012/11/articolo/whatsapp-a-pagamento-dopo-un-anno-bufale-e-verita/41877/

Filed under: Tecnology No Comments
30Nov/120

Natale 2012: LG ND5520 speaker per iPhone e Android

Per l’appuntamento con i regali di Natale 2012 vi consigliamo uno speaker ibrido che può accogliere contemporaneamente iPhone (o iPod o iPad) e uno smartphone Android. Si tratta di LG ND5520, un gadget recentemente presentato dalla società coreana. Oltre allo smartphone di Apple permette di agganciare anche iPad ossia il tablet. Inoltre apre a una serie di funzionalità comode e utili. Con ND5520 si può ad esempio ascoltare la radio sulle frequenze FM e si può impostare la sveglia o con le suonerie classiche per destarsi in tutta fretta oppure in modo più dolce con la musica preferita. Tutto è controllabile grazie al Touch Control. Scopriamone di più, senza dimenticare il prezzo.

L’offerta di LG per questo Natale 2012 con il modello ND5520 è unica: è il primo dispositivo dock musicale ad accogliere contemporaneamente sia iPhone sia lo smartphone Android, così da un lato si può ascoltare la musica e dall’altro si potrà ricaricare la batteria interna. L’antenna FM inclusa apre alla programmazione radiofonica preferita senza problemi, mentre la sveglia desta dal sonno con la musica preferita. Il tutto è controllabile grazie alla tecnologia Touch Control, direttamente sul display della docking station.

La tecnologia Bluetooth permette di collegarsi senza fili dallo smartphone/tablet al Docking Speaker così da riprodurre più comodamente le canzoni delle playlist personali. Di più: attraverso l’applicazione LG Bluetooth Remote installabile sia su iPhone sia su Android si potrà controllare lo speaker direttamente dallo smartphone, che si trasforma in un vero e proprio telecomando. E come se non bastasse c’è anche la porta USB per collegare chiavette o dispositivi compatibili e accedere ad altre librerie musicali.

La scheda tecnica di LG ND5520:

  • Potenza 30W (15Wx2)
  • Display Clock LED Touch, con luminosità regolabile, Touch UI
  • Equalizzatore: Normale – Pop – Classica – Rock – Jazz
  • Compatibile con iPhone, iPod, iPad e Android
  • Radio FM 87.5 ~ 108.0 MHz(50kHz)
  • Funzionalità: Time Sync, Orologio/Allarme/Snooze, Bluetooth

Il prezzo di vendita di LG ND5520 è di 149 euro, ecco tutte le altre nostre proposte per Natale 2012.

Article source: http://www.tecnocino.it/2012/11/articolo/natale-2012-lg-nd5520-speaker-per-iphone-e-android/41883/

Filed under: Tecnology No Comments
30Nov/120

Prototype Plugg radio dabbles in DAB, lets you put a cork in it

Clicking off the radio to rid your ears of an annoying DJ or an overplayed pop song is easy enough, but it could be more satisfying. How? Well, you could stuff a literal cork in your radio, of course. Normal speakers wouldn't be phased by mere wine stopper, but by design, the DAB compatible Plugg is. The project is the brainchild of Skrekkøgle, a pair of Norwegian designers, and was built to investigate the "physical and metaphorical interaction with electronic devices." The DIY project features a pair of volume buttons and the obvious cork for an on / off switch. There aren't any build instructions and the prototype isn't available for sale, but inspired builders can get a look at the speaker's construction (including a trip to the 3D printer) on the team's Flickr page. Head past the break to see the final product in action.

Article source: http://www.engadget.com/2012/11/29/prototype-plugg-radio-dabbles-in-dab-lets-you-put-a-cork-in-it/

Filed under: Tecnology No Comments
30Nov/120

Sprint plans $10 monthly charge for iDEN push-to-talk subs in the new year

For Nextel push-to-talk subs, the writing's been on the wall for some time now, what with that legacy service destined to sunset on June 30th, 2013. But for those unwilling to heed Sprint's many early warnings and make the switch to its CDMA-based Direct Connect plan before this coming January, there'll be an additional monthly penalty fee. Sprint's confirmed to us that, starting in the new year, (stubborn) iDEN subs who've yet to migrate away from the network will incur an extra $10 charge per billing cycle. In lieu of that, the carrier's advising users to transition now and take advantage of its myriad incentive programs while they last. It's not a permanent change though, as this recurring fee will last only as long as the Nextel National Network does, at which point that 800MHz spectrum will be rolled over for the carrier's planned LTE build-out. But PTT holdouts irked by this news won't have to tie their fates to Sprint -- ATT's been anticipating this churn and is waiting with open arms.

Article source: http://www.engadget.com/2012/11/29/sprint-plans-10-monthly-charge-for-iden-push-to-talk-subs-in-th/

Filed under: Tecnology No Comments
30Nov/120

Atari celebrates 40 years of Pong with new, free iOS Pong game, custom portable Xbox 360

Atari's celebrating 40 years of arcade classic Pong today by releasing ... another version of Pong. Pong World is being dubbed "the first-ever official new Pong game on iOS" (despite our search of the App Store dictating the contrary), but more importantly, it's totally free and it's already available on the iOS App Store (see gameplay below the break). The iPhone / iPad / iPod Touch game started life as one of many entries in Atari's "Pong Indie Developer Challenge," which pitted devs against each other for $50K and lead representation on the big four-zero celebration.

Should the free game not be enough for you, you could always vie for one of the crazy sweet portable Xbox 360s (seen above) on Atari's Facebook page. Why yes, that is a custom LCD screen attached to a modded Xbox 360, which also happens to resemble a classic Atari console. And yes, we agree, it is totally sweet.

Article source: http://www.engadget.com/2012/11/29/atari-40th-anniversary-pong-world/

Filed under: Tecnology No Comments