xvid entertainment news tecnologia e tempo libero

30Apr/150

Apple Watch: la funzione nascosta che fa la differenza


L’Apple Watch ormai è realtà e Apple ancora una volta ha avuto una idea innovativa, ha portato sul mercato la tecnologia indossabile. Apple è sempre avanti e anche questo prodotto ha portato delle novità tecnologiche innovative. Ne siete proprio sicuri? I detrattori di Apple giurano di no, che quello che si trova sull’Apple Watch sono cose già viste. Apple, sempre per i detrattori, farà spendere solo molti soldi per non avere niente di innovativo, l’unica comodità sarà di verificare le notifiche senza tirare fuori dalla tasca il proprio iPhone.

LA FUNZIONE SEGRETA

Anche in questo caso la domanda è sempre la stessa, ma siamo proprio sicuri che è cosi? Apple ormai ci ha abituato, ad ogni lancio di un nuovo prodotto, a questo “caos” mediatico che si viene a creare intorno ai suoi device (la maggior parte delle volte ancora prima che esca il prodotto). Se è vero che i fan di Apple generano molto “rumore” mediatico è anche vero che i suoi detrattori riescono a superare il “rumore” dei fan. Apple ha detto che il futuro dei dispositivi iOS passa anche per la tecnologia wearable (ovvero indossabile) e alcune funzioni che troviamo sull’Apple Watch sono sfruttabili a pieno con l’ultimo iPhone di Cupertino. Una delle funzioni che è sottovalutata è Force Touch.

FORCE TOUCH, OVVERO?
L’Apple Watch ha tante funzioni e applicazioni che lo rendono un device funzionale, che al limite potrebbe anche sostituire temporaneamente l’iPhone, ma il vero plus di questo dispositivo è nel controllo. Lo schermo non è proprio il massimo in quanto dimensioni, ma non poteva essere diversamente del resto stiamo parlando sempre di un orologio.

Il Force Touch è una soluzione tecnologica veramente innovativa inserita da Apple, in pratica questa soluzione è in grado di riconoscere se l’utente sta toccando lo schermo o premendo verso il basso. Come dite ? Non è tutta questa innovazione ? Apple, grazie a questa funzione, ha la possibilità (tramite i propri sviluppatori) di fornire molte funzioni senza ingombrare (il già piccolo) schermo dell’Apple Watch.

FORCE TOUCH E APPLICAZIONI
Questa nuova funzione è veramente innovativa per controllare un device senza aggiungere tasti, specialmente quando lo spazio è poco, ma può essere anche una buona opportunità per gli sviluppatori di applicazioni che possono svilupparle sfruttando questa nuova funzione di controllo.

In questa maniera l’Apple Watch può essere veramente una estensione del nostro iPhone e non solo per controllare le notifiche, ma anche per l’utilizzo delle applicazioni. Chi aveva qualche dubbio sull’esperienza di utilizzo grazie a questa funzione si potrà ricredere.

Article source: http://www.tecnocino.it/2015/04/articolo/apple-watch-la-funzione-nascosta-che-fa-la-differenza/61671/

Filed under: Tecnology No Comments
30Apr/150

Trasformare PC e Mac in una console per videogiochi retro


Se siete dei nostalgici dei videogame di altri tempi, quando Atari era ancora un nome noto ai più, potreste considerare l’idea di trasformare PC e Mac in una console per vecchi videogiochi. Sono tante le modalità di emulazioni disponibili su internet, come Mame32 per i giochi da sala oppure AtariAge e Micro64 per le vecchie console. Nel caso foste disposti a spendere anche qualche extra, al prezzo di 65 esiste un adattatore chiamato Retrode che permette di usare vecchie cartucce e pad.

Emulatori PC

La base sono gli emulatori. Sia per Windows che per Mac OS X ne esistono di molti tipi: DOSBox, ad esempio, è uno dei più celebri e diffusi quando si tratta di Windows e permette di rigiocare vecchi videogiochi sviluppati per altrettanto vecchie versioni del sistema operativo di Microsoft che non sono più compatibili con Windows 8 e 8.1. È anche quello meno adatto ai non esperti poiché bisogna avere una conoscenza base del prompt dei comandi, da cui impostare la posizione dei file, etc. Un’altra opzione particolarmente diffusa è il MAME32, grazie a cui si potrà usare un vastissimo archivio di giochi da sala: Metal Slug, Virtua Tennis, Cadillac Dinosaurs, Alien Storm, Space Invaders e tantissimi altri. L’installazione è molto rapida e online si possono trovare archivi già pronti con al loro interno migliaia di ROM. Esistono emulatori anche per mobile, come iDOS per iPhone e iPad che integra giochi come Duke Nukem I e II oppure Wolfenstein 3D di id Software.

Emulatori console

Se siete invece nostalgici delle vecchie console, allora dovrete rivolgervi ad altri lidi. Per esempio, gli affezionati Atari potranno usare Hatari, compatibile con Linux, Mac OS X e Windows, AtariAge oppure Emuparadise. Per lo ZX Spectrum esistono zxspectrum4, Spectaculator e Fuse ZX Spectrum Emulator. Continuiamo: per Commodore 64, potete usare come emulatore uno fra CCS64, Zzap64, VICE e Micro64. Come sito di ROM legali, potete visitare CoolROM. Ricordiamo, infatti, che usare una ROM di un gioco di cui non si possiede la versione fisica è considerato illegale. Un altro sito utile è ROM World.

Adattatori

Nel caso cerchiate un gioco molto raro, la cui ROM è di difficile scoperta, potete usare un adattatore come Retrode, che permette sia di usare vecchie cartucce che vecchi controller. Sono supportati varie console: SNES, Nintendo 64 e SEGA Mega Drive, ad esempio. Potrete riusare quel vecchio pad impolverato per giocare al PC; se ne possono collegare fino a 4 e ciò significa multigiocatore vecchio stile. L’adattatore si connette al computer tramite USB. Per giocare, comunque, avrete comunque bisogno di un emulatore sul PC, un software a cui far riconoscere la cartuccia. Costa 65 euro e pesa 220 g.

Article source: http://www.tecnocino.it/2015/04/articolo/trasformare-pc-e-mac-in-una-console-per-videogiochi-retro/61687/

Filed under: Tecnology No Comments
30Apr/150

Acer Iconia One 8 e Tab 10: scheda tecnica e prezzo

I nuovi tablet Android 5.0 Lollipop di Acer sono Iconia One 8 e Iconia Tab 10, dispositivi economici che potrebbero soddisfare più di una esigenza. Iconia One 8 ha uno schermo più ridotto ma la sua portatilità (pesa 355 g) è ottima per l’utilizzo medio come navigazione web, social network e giochi. Iconia Tab 10 è stato invece realizzato pensando all’utilizzo didattico e integra una suite di software per la produttività, come EZ Note e Sistem Doctor. Dal prezzo di 149 euro tra aprile e maggio.

Acer ha dato una ripulita alla sua linea tablet Android e ha annunciato Iconia One 8 e Iconia Tab 10. Come il nome lascia intendere, il primo ha uno schermo da 8 pollici e rappresenta la scelta più economica tra i due dispositivi; il secondo si adatta meno alla multimedialità e alla produttività in funzione di uno schermo più largo da 10 pollici. Vediamoli nel dettaglio.

Iconia One 8 (B1-820) integra uno schermo da 8 pollici a risoluzione HD (1280 x 800), processore Intel Atom Z3735G quad-core da 1,83 GHz, 1GB di RAM, 16 o 32GB di memoria interna, fotocamera posteriore da 5 megapixel, fotocamera frontale da 0,3 megapixel, batteria da 8 ore e mezza di autonomia (stimata da Acer). Integra il sistema operativo Android 5.0 Lollipop e misura 9,5 mm di lato. Il prezzo ufficiale per il mercato italiano è di 149 euro, un costo competitivo per un tablet Android che si prospetta di fascia media e dalle buone prestazioni. Presente la suite Iconia, “un set di strumenti creativi che forniscono un modo intuitivo per semplificare le attività con gesture e icone d’accesso veloce”. Il pacchetto include: EZ Note, EZ WakeUp, EZ Snap, EZ Gadget e Sistem Doctor.

Iconia Tab 10 (A3-A30) è più performante a fronte di un’autonomia di 7 ore e mezza. Lo schermo da 10 pollici ha una risoluzione Full HD (1920 x 1200), usa un pannello LCD IPS ed è protetto da vetro Gorilla Glass 4, processore Intel Atom Z3735F quad-core da 1,83 GHz, 2GB di RAM, 16, 32 o 64GB di memoria interna espandibile fino a 64GB, fotocamera posteriore da 5 megapixel, fotocamera frontale da 2 megapixel. Tra le caratteristiche extra, un chip NFC, Bluetooth 4.0 e display anti-macchia. Anche Iconia Tab 10 integra Android 5.0 Lollipop come sistema operativo. Pensato per gli studenti e le scuole in generale, questo tablet verrà venduto da 299 euro a partire da maggio. Secondo Maverick Shih, presidente di Acer BYOC e Tablet Business Group, “l’Acer Iconia Tab 10 per l’istruzione è una scelta eccellente per gli uffici scolastici che stanno introducendo le nuove tecnologie in tutte le scuole con iniziative 1:1 o per singoli laboratori mobili”.

490

Article source: http://www.tecnocino.it/2015/04/articolo/acer-iconia-one-8-e-tab-10-scheda-tecnica-e-prezzo/61679/

Filed under: Tecnology No Comments
30Apr/150

Mappato il cervello di un’ape per migliorare i droni

Un team di ricercatori dell’università di Sheffield e Sussex ha mappato il cervello di un’ape al fine di migliorare il funzionamento autonomo dei droni. Nello specifico, si tratta di un’ape europea, nota come Apis mellifera, il cui cervello viene considerato “un miracolo di ingegneria” dal prof. James Marshal. Questo drone ha funzionalità limitata in quanto emulare completamente l’attività cerebrale di un insetto lungi dall’essere finalizzata, ma si tratta di un passo nella giusta direzione.

I droni sono la moda del momento: non costano molto, sono potenzialmente utili in situazioni di emergenza e presto rappresenteranno le modalità di spedizione di Amazon (non nel 2015). In quanto economici, possono essere usati per vari tipi di ricerca. Il team dell’università di Sheffield e Sussex, ad esempio, ha mappato il cervello di un’ape europea (Apis mellifera), ha ristretto il campo alle funzioni cerebrali per spostarsi in aria e muoversi senza colpire ostacoli e lo ha integrato, appunto, in un drone in forma virtuale.

Perché? Perché in futuro i droni così realizzati potrebbero essere usati nell’agricoltura, per esempio, per impollinare i fiori senza sfruttare gli animali. Inoltre, è un passo tecnologico comunque rilevante. “Le api e tutti gli altri insetti sono miracoli di ingegneria che non siamo ancora riusciti a emulare” ha spiegato il prof. James Marshall. “Se potessimo anche solo ricreare una frazione di quelle abilità in un sistema di un robot, avremmo fatto un incredibile passo avanti”. La mappazione del cervello dell’ape è stata limitata, come abbiamo detto: riprendere l’intere funzioni dei neuroni sarà un compito molto più arduo che richiederà molto più tempo e lavoro.

Questa ricerca fa parte del Green Brain Project, ossia un insieme di esperimenti il cui obiettivo è quello di simulare il cervello degli animali e installarlo sui robot così che un giorno possano essere sostituiti. L’ape è stata un primo risultato ma il team di ricerca è consapevole che la strada sia ancora lunga, ma è il primo passo verso l’emulazione delle funzioni cerebrali complesse, come quelle delle api, il cui numero sta calando ogni anno nel mondo. E un giorno potremmo avere bisogno di questi droni per impollinare i campi.

401

Article source: http://www.tecnocino.it/2015/04/articolo/mappato-il-cervello-di-un-ape-per-migliorare-i-droni/61673/

Filed under: Tecnology No Comments
30Apr/150

Android’s official texting app offers replies from notifications

Hangouts may be Android's star messaging app at the moment, but Google is still willing to show its original Messenger client a little TLC. The company has updated its basic Android texting app with support for quick replies from notifications. While the feature isn't quite as slick as what you get in iOS' Messages (where the notification itself has a reply box), it'll save you from constantly switching apps when you're juggling a rapid-fire conversation alongside your usual phone tasks. Grab the upgrade today if you want some of Google's latest bells and whistles without having to use Hangouts as your SMS software of choice.

http://www.engadget.com/2015/04/29/google-messenger-replies-from-notifications/?ncid=rss_truncated

Filed under: Tecnology No Comments
30Apr/150

Land Rover fails in its bid to block Chinese copycats

China is famous for many things, but a deeply-held respect for the concept of intellectual property isn't one of them. It's a problem that Land Rover has just run into head-first after its claims that the Land Wind X7 was a shameless copy of its Range Rover Evoque fell upon deaf ears. Autocar is reporting that, not only did authorities dismiss the complaint, but the Chinese company has been given permission to start manufacturing the vehicle.

The saga began at last November's Guangzhou Motor Show, where Land Wind showed off its SX7 for the first time. Unfortunately, executives at Land Rover were also at the show, and promptly lodged a complaint with regulators. Autocar goes on to say that the British car maker won't take this recent news sitting down, and will continue to look into other ways of preventing the X7 reaching the market.

[Image Credit: Autoblog]

http://www.engadget.com/2015/04/29/land-rover-land-wind-fight/?ncid=rss_truncated

Filed under: Tecnology No Comments
30Apr/150

Math explains why beating ‘Tetris’ is basically impossible

You're never going to beat Tetris. Sorry. You might be asking why I'm so pessimistic and even though that's perfectly natural, PBS' Game/Show will back me up here. While the seven multicolored falling bricks (officially called "tetrominoes") all fit together pretty nicely, they only occupy a space that's eight tiles wide when fully combined. Coupled with the size of the playing space -- the "well," as it's called, is ten tiles wide -- there's always going to be room for screw-ups that are out of your control. There's a ton of math, studies of probability and statistics to explain it all, too. As host Jamin Warren tells it (citing a research paper from 1996), failure is due in no small part to how the "bag" randomly generates pieces that're dropping.

Over a long enough game, the bag's going to screw you over and drop tetrominoes that make gaps that you won't be able to fill. Specifically, a nasty run of "S" and "Z" shaped pieces that'll ruin your up-to-that-point ideal flow is pretty much inevitable -- and even playing a game exclusively with the aforementioned pieces would hit a fail state in 70,000 turns. It's a cruel joke, sure, but that hasn't stopped the game from appearing on countless platforms, sides of buildings or T-shirts for almost 31 years.

[Image credit: Getty Images/alengo]

http://www.engadget.com/2015/04/29/tetris-is-a-cruel-mistress/?ncid=rss_truncated

Filed under: Tecnology No Comments
30Apr/150

Netflix and Ellen are making a ‘Green Eggs and Ham’ TV show

Hulu picked up Seinfeld, and now Netflix is working on a new show with Ellen DeGeneres -- but it's not a mid-90s sitcom at all. The two will create a 13-episode series based on the Dr. Seuss book Green Eggs and Ham that's due to arrive in 2018, aimed at kids around the world. According to Deadline, the writer behind the project is Jared Stern, who wrote Wreck-It Ralph, and has been trying to make a show based on the book for years. Also, the report claims this is supposed to be the "most expensive" animated show ever created for television. Ellen seems excited about it in her video announcement (included after the break, but I think if there's a high-budget Game of Thrones-rivaling Dr. Seuss adaptation in the works, then The Butter Battle Book might have been a better choice.

NETFLIX ORDERS GREEN EGGS AND HAM
THIRTEEN EPISODES FOR THE WHOLE FAM

In 2018, This Classic Book
Comes to TV with a Whole New Look

Beverly Hills, Calif., April 29, 2015 -

Issued from Netflix headquarters.
Delivered straight to all reporters.

We'd love to share some happy news
based on the rhymes of Dr. Seuss.

Green Eggs and Ham will become a show
and you're among the first to know.

In this richly animated production,
a 13-episode introduction,

standoffish inventor (Guy, by name)
and Sam-I-Am of worldwide fame,

embark on a cross-country trip
that tests the limits of their friendship.

As they learn to try new things,
they find out what adventure brings.

Of course they also get to eat
that famous green and tasty treat!

Cindy Holland, VP of Original Content for Netflix
threw her quote into the mix:

"We think this will be a hit
Green Eggs and Ham is a perfect fit

for our growing slate of amazing stories
available exclusively in all Netflix territories.

You can stream it on a phone.
You can stream it on your own.

You can stream it on TV.
You can stream it globally."

http://www.engadget.com/2015/04/29/netflix-ellen-dr-seuss/?ncid=rss_truncated

Filed under: Tecnology No Comments
30Apr/150

New Windows 10 preview comes with Aero Glass and an upgraded Cortana

In addition to showing off holographic apps and revealing the name of its post-IE browser, Microsoft has also released its latest Windows 10 preview build for PCs today. The build (now called "Insider Preview" instead of "Technical Preview") introduces quite a lengthy list of new and experimental features, including Windows 7's Aero Glass design. Apparently, a lot of preview users asked Redmond to bring Aero Glass black, since company dropped the feature from Windows 8. To test it out, half of those installing the new build will see their Start menu and taskbar in normal transparency, while half will see theirs with a frosted glass effect.

Cortana gets an upgrade, as well -- she not only gets a "visual refresh," but also takes over as soon as you start typing to search for an app within the Start menu. The virtual assistant can also answer a bunch of new questions, including ones about time zones, weather, flight status, unit conversions, so on and so forth, thanks to Bing Instant Answers.

Continuum, which will soon arrive on smartphones, gets a simplified taskbar on desktop, along with an adjustable divider between two windows. Finally, the build boasts a fresh batch of system sounds, better multi-tasking experience, upgraded Music and Video Preview apps and an improved Windows Store. You can read more about the build on Microsoft's official blog and download it from the company's website, so long as you sign up to become Windows Insider.

Microsoft Windows 10

30Apr/150

3 atom-thick transistor promises ultra-thin electronics

Researchers from Cornell University announced a breakthrough in transistor technology in the latest issue of the journal, Nature. The team has reportedly developed a novel and highly efficient method of producing an experimental material known as transition metal dichalcogenide (TMD). TMD is an exceedingly thin (but highly conductive) film, which makes it useful in many high-tech applications -- everything from solar cells to flexible, wearable gadgets -- but also makes it a huge pain to produce in appreciable quantities. That is, until now.

"Our work pushes TMDs to the technologically relevant scale, showing the promise of making devices on that scale," Saien Xie, one of the paper's lead authors. TMD, like the similarly touted wonder-material graphene, could help extend Moore's Law by providing a stable and compact substrate onto which engineers can pack an ever-increasing number of circuits. However, since it's only three atoms thick, TMD production typically suffers from a high rate of breakage and failure. The new method from Cornell, which mixes diethylsulfide and a metal hexacarbonyl compound atop a silicon wafer and then bakes them for 26 hours in hydrogen gas, has proven far more successful.

Out of a batch of 200 such wafers created for the study, only two failed -- that's a 99 percent success rate. With these results in hand, the research team hopes to streamline the manufacturing process as well as improve the consistency of the resulting film. The technology is still at least a few years away from being commercially viable but when it is, we could see it usher in a new era of paper-thin, super-powerful electronics.

http://www.engadget.com/2015/04/29/3-atom-thick-transistor-promises-ultra-thin-electronics/?ncid=rss_truncated

Filed under: Tecnology No Comments