xvid entertainment news tecnologia e tempo libero

28Feb/170

LG G6: 5 motivi per non comprarlo

LG G6 è il nuovo smartphone top di gamma del produttore coreano, dotato di doppia fotocamera e specifiche tecniche molto interessanti. Seppur sia uno smartphone molto interessante, molti utenti hanno fatto notare alcuni lati negativi di questo dispositivo. Proprio per questo motivo, abbiamo scelto 5 motivi per non comprare LG G6. Andiamo a scoprire perché non acquistare questo smartphone di ultima generazione.

Il nuovissimo display di LG G6 è dotato di un formato 18:9, che a detta della stessa LG rende lo smartphone più semplice da utilizzare. Di fronte ad un maggior spazio di visione rispetto al formato convenzionale 16:9, LG G6 è più alto del predecessore e ciò può creare alcuni problemi ai possessori, soprattutto a coloro che tengono il dispositivo all’interno della tasca dei pantaloni o nella giacca. Solo futuri test potranno stabilire se il formato da 18:9 sia più o meno vincente.

LG è una tra le più importanti aziende produttrici di TV AMOLED. I pannelli di ultima generazione, seppur ancora molto costosi, stanno mostrando i pregi di questa tecnologia, ma per il suo smartphone top di gamma, LG ha deciso di impiegare la tecnologia LCD. Impiegando display AMOLED, i colori sarebbero risultati più saturi e il nero più profondo. Un’occasione persa.

All’interno della scocca di LG G6 vi è il SoC Snapdragon 821, “refresh” del predecessore Snapdragon 820. Si tratta di una CPU molto performante, anche se il produttore coreano avrebbe potuto optare per Snapdragon 835, l’ultimo SoC di Qualcomm, presentato nelle scorse settimane.

Una scelta che comporta, anche in termini di marketing, qualche svantaggio rispetto agli smartphone top di gamma 2017 che debutteranno nei prossimi mesi.

Un’altra funzione totalmente assente riguarda la possibilità di rimuovere la batteria. Seppur offra 3300mAh, avremmo forse preferito una batteria removibile simile a quella del predecessore G5. Non a caso, si trattava di un motivo per cui scegliere gli smartphone LG, un punto di forza totalmente assente sulla maggior parte degli smartphone top di gamma.

Infine, l’ultimo motivo per cui non acquistare LG G6 riguarda la memoria interna limitata. LG G6 offre solamente 32GB di memoria di archiviazione, anche se è espandibile tramite la porta microSD. Per uno smartphone che dovrebbe posizionarsi nella fascia alta di mercato ci saremmo aspettati almeno 64GB di memoria di archiviazione.

Article source: http://www.tecnocino.it/2017/02/articolo/lg-g6-5-motivi-per-non-comprarlo/87453/

Filed under: Tecnology No Comments
28Feb/170

Huawei P10: 5 motivi per non comprarlo

Huawei ha presentato Huawei P10, il nuovo smartphone che promette performance elevate e una fotocamera posteriore di qualità. All’interno della scocca troviamo il nuovo processore di ultima generazione realizzato dal produttore cinese, accompagnato da 4GB di memoria RAM. Se da un lato Huawei P10 è un dispositivo molto interesssante, dall’altro è necessario sottolineare la presenza di alcuni importanti motivi per cui non acquistarlo. Andiamo a scoprire più in dettaglio perché non comprare Huawei P10.

Il nuovo Huawei P10 è uno smartphone top di gamma, ma che sulla carta non è certamente rivoluzionario. Sembra che il mondo degli smartphone stia rallentando progressivamente in termini di evoluzione. Huawei P10 ne è la conferma, piccoli passi in avanti, ma nessuna rivoluzione vera e propria. Un top di gamma che non sorprende.

Tra le principali caratteristiche tecniche che rappresentano un motivo per non comprare Huawei P10 è sicuramente il display. La risoluzione non convince, Huawei avrebbe potuto dotare il P10 di uno schermo AMOLED da 5,1 pollici con risoluzione a 2K. Questo passo in avanti non è stato compiuto, anche se la maggior densità del display avrebbe permesso di ottenere una maggior definizione delle immagini.

Huawei P10 è disponibile in 7 colori ovvero: Mystic Silver, Rose Gold, Graphite Black, Dazzling Gold, Dazzling Blue e Greenery, quest’ultimo colore dell’anno 2017. La presenza di così tanti colori porta ad una confusione per gli utenti finali. La via ideale sarebbero stati 6 colori, escludendo il verde che, seppur possa piacere, non sappiamo quante unità di questa colore verrano venduti a livello globale.

L’ampia scelta, inoltre, può portare gli utenti ad essere confusi di fronte a 7 diverse tipologie di colori.

Uno dei motivi per cui non comprare Huawei P10 riguarda la somiglianza con iPhone. L’azienda cinese ha rielaborato in salsa Android il design di iPhone 6 e iPhone 6s. Seppur vi sia una doppia fotocamera posteriore, la banda dell’antenna inferiore richiama gli smartphone dell’azienda. Da Huawei P10 ci saremmo aspettati un design più esclusivo, per un prodotto realizzato in collaborazione con il brand LEICA.

Il nuovo Huawei P10 sarà disponibile dal mese di marzo al prezzo di 649€ per avere 4GB di memoria RAM e 64GB di memoria storage. Il prezzo risulta molto elevato, seppur smartphone Android top di gamma. Sicuramente, nei prossimi mesi, il prezzo diminuirà notevolmente, ma il prezzo di listino di Huawei P10 si avvicina molto vicino a quello iPhone 7 di Apple.

Article source: http://www.tecnocino.it/2017/02/articolo/huawei-p10-5-motivi-per-non-comprarlo/87439/

Filed under: Tecnology No Comments
28Feb/170

Samsung Galaxy S7 Edge miglior smartphone dell’anno

Samsung Galaxy S7 Edge ha vinto il premio come miglior smartphone nella categoria Best Mobile Handset and Devices in occasione della annuale Global Mobile Awards al Mobile World Congress 2017. I punti focali di questo terminale, che gli hanno permesso di portarsi a casa questo importante riconoscimento, sono stati il design molto apprezzato grazie alla doppia curvatura del display, la fotocamera con funzionalità avanzate e, in generale, performance di alto livello. Junho Park, Vice President del Global Product Strategy, Mobile Communications Business di Samsung Electronics, ha commentato: “Siamo onorati di aver ottenuto questo importante riconoscimento per la tecnologia innovativa del nostro smartphone di punta. Questo premio è la testimonianza del nostro costante impegno a favore dell’eccellenza dei nostri prodotti, incontrando e superando le aspettative dei consumatori”.

La scheda tecnica di Galaxy S7 Edge è quella ben nota con display da 5,5 pollici Dual edge Quad HD Super Amoled, con risoluzione pari a 2560 x 1440 pixels e densità pixel pari a 534ppi, fotocamera posteriore da 12 megapixel con apertura pari a f/1.7 e lo stabilizzatore ottico Smart OIS, fotocamera frontale da 5 megapixel, con la medesima apertura.

Galaxy S7 e Galaxy S7 Edge raccontati da Giovanni Ventra di Samsung

C’è il chipset Qualcomm Snapdragon 820 (o Exynos 8890) con 4GB di memoria RAM LPDDR4, memoria 32 o 64 GB UFS 2.0, batteria da 3600 mAh e slot per le memorie MicroSD, fino a 200GB.

Samsung G935 Galaxy S7 Edge Smartphone da 32GB, Nero [Italia]

285

Article source: http://www.tecnocino.it/2017/02/articolo/samsung-galaxy-s7-edge-miglior-smartphone-dell-anno/87473/

Filed under: Tecnology No Comments
28Feb/170

Clash Royale: i migliori trucchi per giocare

Esistono dei trucchi per Clash Royale? Certo che si. C’è un modo di aggirare qualsiasi gioco che abbia un sistema di “reward after wait” (ricompensa dopo aver atteso) e giocando a Clash Royale online contro altri giocatori, dove ogni chest potrebbe nascondere una carta estremamente potente, questi trucchi sono più utili che mai. Se siete parte dei giocatori che credono nella “morale del gioco onesto”, questo post non fa per voi, ma se volete divertirvi e “rompere” gli equilibri del gioco, viverlo in maniera diversa ed avere un’esperienza del tutto nuova, allora proseguite nella lettura.

Se passate molto tempo al PC, per lavoro o per svago, crediamo che dovreste davvero giocare a Clash Royale su questa piattaforma. Giocare su PC permette di fare screenshot instantanei, avere uno schermo più grande su cui giocare e registrare il proprio gameplay per poi condividerlo su internet con i vostri amici o sul vostro canale Youtube.

Cominciamo con lo scaricare un emulatore che vi permetterà di installare il gioco: abbiamo scelto YouWave, un software che non richiede moltissime risorse per funzionare per bene e che è totalmente gratuito.

Dopo averlo installato ( un processo molto semplice che consiste nel clickare solo su “Avanti” fino ad arrivare alla fine), basterà avviarlo e vedremo la schermata Android sul monitor come se avessimo uno smartphone all’interno del nostro PC.

Configurate il vostro account Google e scaricate Clash Royale dal Play Store oppure scaricate la versione .apk semplicemente da Google.

Dopo aver installato il tutto, sarete pronti a giocare.

Possiamo effettuare il download di Clash Royale .apk, una versione del software non presente sul Play Store che possiede le stesse caratteristiche di quella “ufficiale” e che può essere scaricata (come detto al punto precedente) nel caso in cui si stesse utilizzando un emulatore da PC.

Il Download di Clash Royale .apk può essere effettuato a questo link.

ATTENZIONE: questa versione di Clash Royale è gratis, come il gioco “ufficiale, ma essendo un .apk, non scaricabile dal Play Store potrebbe contenere qualche virus, per cui consigliamo di fare molta attenzione se si vuole procedere col download.

Le gemme sono davvero importanti su Clash Royale e possiamo ottenerne davvero tante tramite un glitch del gioco. Nel video mostrato, possiamo capire come, modificando i file sorgente del gioco, sia possibile imbrogliare il gioco stesso e costringerlo all’errore.

Seguendo le istruzioni che vedete, potete notare come il ragazzo cambi il numero massimo di gemme dell’ achievement da 10 a 999999 così che la prossima volta che aprirà il gioco possa ottenerne in questo numero.

Per ora abbiamo verificato come questo glitch avvenga solo su iPhone, per cui sbrigatevi prima che venga corretto dagli sviluppatori.

Esistono dei servizi e delle applicazioni web che permettono di sbloccare dei coupon sconto, Amazon card e Gift Card varie che potrete utilizzare per fare acquisti su Clash Royale al posto della vostra carta personale.

Noi consigliamo di provare Tapporo o Cash for Apps: queste sono applicazioni che vi chiederanno di scaricare altre applicazioni e di compiere delle azioni in esse per guadagnare dei punti che, una volta arrivati ad un certo numero, vi sbloccheranno questi codici sconto da utilizzare in game. Non dovrete pagare nulla dio tasca vostra, anzi, è tutto gratis e legittimo.

Questi erano i trucchi più sicuri e più efficaci per farvi avanzare gratis su Clash Royale. Fateci sapere cosa ne pensate e se avete provato ad utilizzare uno di questi trucchi.

Article source: http://www.tecnocino.it/2017/02/articolo/clash-royale-i-migliori-trucchi/87425/

Filed under: Tecnology No Comments
28Feb/170

Clash Royale: i deck più forti del gioco (Arena 8, 9 e 10)

Avete finalmente superato l’arena 7 in Clash Royale e credete che sia stato difficile? Il bello arriva solo adesso, però. Per affrontare al meglio l’Arena 8,9 e la tanto agognata Arena 10, abbiamo per voi i deck più forti del gioco. Arrivati a questo livello, ci sono davvero tantissime carte molto molto potenti, ma se non sfruttate al meglio, con combinazioni ad hoc, il tutto può risultare in un’enorme e colossale sconfitta. Siete pronti per diventare dei veri campioni?

Questo deck è stato scelto in particolare per l’Arena 8 con la chicca aggiuntiva di essere una bomba contro i Barbari Scelti, carta che a questi livelli sta facendo impazzire un po’ tutti coloro che sono abbastanza folli da cercare di resisterle.

- Pekka

- Domatore

- Goblin Lancieri

- Stregone Elettrico

- Tronco

- Orda di Scheletri

- Tornado

- Estrattore di Elisir

Per respingere i Barbari Scelti basterà sguinzagliare il PEKKA non appena l’avversario superi la sua metà e poi lanciare il Tronco; con questa possente combo, basteranno solo due colpi per far fuori i Barbari Scelti. Un’altra strategia molto comune con questo deck è, invece, quella di utilizzare il duo Tronco-Tornado, con quest’ultimo da utilizzare al centro della vostra arena così da permettere ad entrambe le torri della corona di finire i nemici.

Una volta fermati i Barbari Scelti, grazie alle vostre potenti carte, conquistare la vittoria sarà decisamente più semplice.

Il seguente deck è più intuitivo da utilizzare ed i più esperti, infatti, non avranno bisogno di ulteriori spiegazioni una volta viste le carte, ma se fossimo riusciti ad aiutarvi in qualche modo, avremmo svolto il nostro compito.

Ecco le carte:

- Scarica

- Palla di Fuoco

- Scheletri

- Spirito di Ghiaccio

- Moschettiere

- Domatore

- Golem di Ghiaccio

- Cannone

Per eliminare i Barbari Scelti e puntare ad una vittoria facile facile, basterà posizionare il Cannone al centro della vostra arena appena l’avversario sguinzaglierà la temibile carta; gli omaccioni, a questo punto, cercheranno di attaccarlo e a voi non resterà che finirli utilizzando gli Scheletri o lo Spirito di Ghiaccio. Perché questo deck va bene per entrambe le arene? Perché è davvero facile da utilizzare, versatile e decisamente potente, tanto che potrete andare avanti per un bel po’ di duelli senza cambiare carte, ma semplicemente potenziando quelle che vi abbiamo appena suggerito.

Le combinazioni per creare il Deck Perfetto in Clash Royale sono davvero tante come tanti sono i gusti di chi gioca e le sue naturali attitudini; noi vi abbiamo dato uno spunto per creare un deck davvero forte che possa anche fermare un temibile carta come quella dei Barbari Scelti, ma ciò non toglie che possiate trovarvi meglio con altre soluzioni. Sperimentate e diventate un Maestro dell’Arena con i controfiocchi.

Article source: http://www.tecnocino.it/2017/02/articolo/clash-royale-i-deck-piu-forti-del-gioco/87403/

Filed under: Tecnology No Comments
28Feb/170

iPhone 8 con schermo OLED: le voci sul possibile prezzo

iPhone 8 con schermo OLED è ormai una certezza e a rincarare la dose di rumors ci ha pensato nientemeno che il Wall Street Journal, che riporta nuovamente della voce che cita come tre i possibili modelli che Apple ufficializzerà nel corso del prossimo autunno 2017. Tuttavia, tale display sarà una prerogativa soltanto di quello di fascia alta che potrebbe avere un prezzo davvero altissimo superiore ai 1159 euro necessari per l’attuale melafonino più caro ossia iPhone 7 Plus da 256GB. L’aspetto dovrebbe ricordare da vicino Samsung Galaxy S7 Edge con doppia curvatura sui lati lunghi per un feeling avvolgente. Dovrebbe inoltre avere scanner 3D facciale a sostituzione di TouchID, 3GB Ram e memoria fino a 256GB.

Apple sarebbe pronta a andare giù pesante con gli investimenti per iPhone 8 e per il suo schermo OLED che promette meraviglie. Secondo le ultime voci di mercato che arrivano naturalmente dal web, Cupertino sarebbe pronta a una decisa fuoriuscita di liquidi per preparare al meglio la produzione del melafonino prossimo venturo (sempre che non si tratterà di iPhone 7s, non è ancora da escludere così come l’ipotesi che escano entrambi). La fornitura sarà di quelle globali, nemmeno a dirlo, e potrebbe così offrire quel plus che i clienti cercano e ancora non trovano nelle ultime generazioni dei cellulari intelligenti di Apple della prossima generazione che sarà svelata a breve. Scopriamone di più.

Sul fatto che il prossimo iPhone avrà uno schermo OLED ormai ci sono pochi dubbi perché se ne parla addirittura prima della presentazione dell’attuale melafonino, iPhone 7. Si pensava potesse addirittura debuttare proprio col modello 2016, ma era troppo presto dunque spazio al 2017 e alla sua suggestiva ipotesi dei tre modelli: iPhone 7s che farà da standard, iPhone 7s Plus che sarà il phablet avanzato e iPhone 8 che sarà il premium appunto con display organico. I vantaggi di questa tecnologia sono presto detti: minore consumo energetico, massima visibilità e pixel autoilluminanti per il nero più profondo e il contrasto perfetto.

Stiamo ancora attendendo i risultati fiscali ufficiali del quarto esercizio, quello di Natale, di Apple, ma la mente vola già al Q2 del 2017, quando si potrebbe dare il via alla produzione del nuovo modello premium. La voce sui 50 milioni di investimento arriva da Timothy Arcuri, analista per Cowen Company.

Questo modello conterebbe su una diagonale da 5.8 pollici, che però non avrebbe un grosso ingombro dato che i profili intorno sarebbero risicatissimi. Insomma, il tanto celebrato borderless o – se preferite – bezeless. A proposito di investimenti, sarebbero stimati in 10 milioni per iPad e 2.5 milioni per Apple Watch.

Intanto sono arrivati i risultati dell’ultimo trimestre record di Apple: 78,4 miliardi di dollari è il risultato messo in cascina con tanto di primato raggiunto anche nella distribuzione utili per azione diluita pari a 3.36 dollari. L’anno scorso si era arrivati a 75,9 miliardi di dollari e 3,28 dollari rispettivamente.

Article source: http://www.tecnocino.it/2017/02/articolo/iphone-8-con-schermo-oled-le-voci-sul-possibile-prezzo/86295/

Filed under: Tecnology No Comments
28Feb/170

Lenovo Tab 4 e Tab 4 Plus: le schede tecniche e prezzi ufficiali

Lenovo ha ufficializzato i nuovi modelli di tablet chiamati Lenovo Tab 4 e Lenovo Tab 4 Plus al Mobile World Congress 2017 che differenziano non soltanto per determinate caratteristiche hardware della scheda tecnica ma anche per le dimensioni, dato che si assestano su diagonali da 8 e 10 pollici. Il sistema operativo montato a bordo è Android 7.0 Nougat con interfaccia proprietaria e troviamo a bordo anche l’interessante sistema di altoparlanti stereo anteriori. Tra i plus presenti appunto nel Plus troviamo lo scanner delle impronte digitali. Scopriamo di più sulle specifiche tecniche così come sui prezzi di questi due device.

Dunque, Lenovo Tab 4 è ufficiale nelle sue dimensioni da 8 e 10 pollici con display a risoluzione HD 1280×800 pixel, processore Qualcomm Snapdragon 425 quad-core accompagnato da 2 GB di RAM, batteria fino a 12 ore di autonomia e doppia fotocamera con sensore anteriore da 2 megapixel e posteriore da 5 megapixel. Lenovo Tab 4 Plus è di una categoria leggermente superiore, lo schermo rimane sempre di diagonale da 8 o 10 pollici, ma la risoluzione sale a Full HD 1920×1080 pixel, troviamo anche una porta USB Type-C per la ricarica veloce e per il trasferimento rapido dei film e il processore Qualcomm Snapdragon 625, che consuma poco e si comporta molto bene.

Ricapitolando la scheda tecnica di Lenovo Tab 4:

  • Sistema operativo Android 7.0 Nougat
  • SoC Qualcomm MSM8917 (Snapdragon 425)
  • Schermo da 8 o 10 pollici a risoluzione 1,200×800-pixel
  • 2GB Ram e 16/32GB memoria interna
  • Fotocamera da 2 o 5 megapixel
  • Wi-Fi, GPS, Bluetooth, connessione 4G LTE

Invece, la variante 4 Plus:

  • Sistema operativo Android 7.0 Nougat
  • SoC Qualcomm Snapdragon 625
  • Schermo IPS da 8 o 10 pollici a risoluzione 1,920×1,200-pixel
  • 3/4GB Ram e 16/64GB memoria interna
  • Fotocamera da 5 o 8 megapixel
  • USB 2.0 Type-C
  • Lettore impronte digitali
  • Wi-Fi, GPS, Bluetooth, connessione 4G LTE

Quali saranno i prezzi e quando usciranno Lenovo Tab 4 e Tab 4 Plus? Prima di tutto bisogna distinguere tra i modelli con solo Wi-Fi e quelli con Wi-Fi e connessione LTE. Sono stati diffusi per ora solo i prezzi per il mercato americano e si avrà un 109 dollari per Lenovo Tab 4 8″ passando a 149 dollari per Lenovo Tab 4 10″ poi 199 dollari per Lenovo Tab 4 Plus 8″ e infine 249 dollari per Lenovo Tab 4 Plus 10″.

444

Article source: http://www.tecnocino.it/2017/02/articolo/lenovo-tab-4-e-tab-4-plus-le-schede-tecniche-e-prezzi-ufficiali/87479/

Filed under: Tecnology No Comments
28Feb/170

Nubia N1 Lite: la scheda tecnica della versione depotenziata

Nubia N1 Lite è ufficiale: ci stiamo riferendo alla versione meno performante del già ben noto Nubia N1 rispetto al quale non cambia di molto il design mantenendo le medesime dimensioni pur tuttavia cambiando sostanzialmente l’hardware di base. In questo caso, dunque, la dicitura “Lite” non riguarda un display più piccolo e una scocca, in generale, più tascabile, ma un livello tecnico più modesto, con conseguente calo deciso anche del prezzo di vendita. Cosa troveremo a bordo e quali sono le specifiche di questo N1 Lite che arriverà a breve anche sul nostro mercato per un costo tutto da comunicare? Scopriamolo insieme.

Nubia N1 Lite è dunque il nuovo modello che compone la fascia media della società cinese nata da una costola di ZTE. A bordo troviamo uno schermo con diagonale da 5.5 pollici a risoluzione HD dunque 1280×800 pixel, un processore MediaTek MT6737 accompagnato da un quantitativo di 2GB di RAM e una memoria interna da 16GB espandibile via Micro SD, una batteria da 3.000 mAh in grado di offrire una autonomia ben oltre una giornata d’uso, GPS, Wi-Fi, Bluetooth, connettività LTE, scanner delle impronte digitali, fotocamera anteriore da 5 megapixel e posteriore da 8 megapixel con apertura f/2.0 (tutte e due con flash LED), sistema operativo vecchio ossia Android 6.0 Marshmallow.

Attendiamo informazioni su prezzo e uscita italiani di Nubia N1 Lite.

Sembra sarà a disposizione a marzo.

307

Article source: http://www.tecnocino.it/2017/02/articolo/nubia-n1-lite-la-scheda-tecnica-della-versione-depotenziata/87485/

Filed under: Tecnology No Comments
28Feb/170

Lead an army of cartoon heroes in Epic’s latest game

Battle Breakers will have hundreds of different heroes to use when you create your battle team, including ninjas, robots, knights and talking dinosaurs. The gameplay is a bit like Advance Wars or The Banner Saga, where you need to position your troops and dole out special powers for maximum impact. While the game is free to download and play, you can expect Epic to push hard to get you to drop some cash for in-game purchases like special heroes and cosmetic upgrades.

You can pre-register for the game right now on Google Play or the Epic website to get a special hero, Dark Beastman, when the game launches. If you love '80s cartoons and tactical RPGs (as well as free things), Battle Breakers might be worth checking out when it launches "later this year."

Article source: https://www.engadget.com/2017/02/27/epics-latest-game/

Filed under: Tecnology No Comments
28Feb/170

Rise in Arctic Ocean acid pinned on climate change

The clue? Scientists were looking at concentrations of aragonite, a mineral that can't form in highly acidic water. They noticed that parts of the western Arctic Ocean have lower than expected aragonite levels.

Climate change isn't the only factor -- the team notes that changes in ocean currents have seen a greater than usual influx of carbon-rich Pacific water, most likely due to changing ocean patterns that leaves the water 'stuck' in the Arctic. However it happens, though, things don't look good. Computer models suggest that the Arctic Ocean may be ice-free in summers by 2030, and that the entire surface of the Arctic Ocean could have a dearth of aragonite before long. If that happens, the larger Arctic ecosystem might be at risk.

Article source: https://www.engadget.com/2017/02/28/rise-in-arctic-ocean-acid/

Filed under: Tecnology No Comments